Tipi di apparecchi ortodontici

L’ortodonzia negli ultimi anni ha fatto grandi passi avanti nel campo degli apparecchi utilizzati per la correzione della posizione errata dei denti. Sono diversi i tipi di apparecchi ortodontici da poter utilizzare, ad esempio ci sono gli apparecchi mobili. Quest’ultimi possono essere creati sotto diverse forme e assolvono a due funzioni principali: quelli ortopedici che hanno una forte azione sulle mascelle cercando di mettere in asse i denti e permettono di bloccare anche l’eccessiva crescita della mandibola, e quelli funzionali che cambiano la funzione dei muscoli masticatori facendoli rinforzare e modificando la loro postura così nel tempo cambierà anche la postura ossea, dentale e mascellare. Gli apparecchi per i denti più conosciuti sono però quelli fissi. Questi sono appunto fissati sui denti del paziente e quindi non possono essere rimossi. Sono costituiti da bande, cioè anelli metallici posti attorno ai denti e che hanno il compito di sostenere i fili ortodontici; i bracket, attacchi metallici che sostengono l’arco e l’arco metallico che è appunto l’arco principale che passa attraverso i bracket e ha il compito di guidare i denti.

Oggi, grazie alle nuove tecnologie è possibile eludere totalmente questi  fastidiosi ed antiestetici apparecchi in ferro poiché la nuova frontiera dell’ortodonzia è l’Invisalign. Tale trattamento si compone e si avvale di una serie di aligner, una sorta di mascherine removibili ed invisibili, che vengono sostituiti ogni quindici giorni. Tali aligner permettono lo spostamento dei denti in maniera graduale fino a portarli nella posizione ottimale. Ovviamente ogni trattamento Invisalign è personalizzato, prima che il dentista crei le varie mascherine necessarie per il compimento del trattamento prenderà un’impronta della dentatura del paziente e le invierà ai laboratori Invisalign per l’elaborazione degli aligner. Invisalign non è adatto ad ogni tipologia di problema ed è per tale motivo che il paziente deve prima superare una visita odontoiatrica preliminare e nel caso sia possibile utilizzare tale trattamento innovativo, allora si passerà alla creazione personalizzata delle aligner.

Quest’ultime oltre che su misura, sono completamente trasparenti e quindi ciò permette una completa libertà nel mostrare il proprio sorriso poiché nessuno noterà che si sta portando un apparecchio ortodontico. Oltre a ciò potrete notare che il materiale utilizzato per questi apparecchi non è per niente nocivo per le gengive o per il cavo orale, non provoca irritazioni ed è comunque molto facile abituarsi all’utilizzo di tali mascherine che oltretutto sono molto semplici da mettere e da togliere.

You can leave a response, or trackback from your own site.

One Response to “Tipi di apparecchi ortodontici”

  1. Fabio scrive:

    Secondo me le mascherine invisalign funzionano benissimo ma risolvono bene solo i casi di disallinemento più semplici, come piccoli accavallamenti, mentre per i casi più seri non si può prescindere dall’apparecchio fisso.
    Normalmente chi cerca l’apparecchio invisibile lo fa perché risente di problemi di ansia e imbarazzo rispetto al mostrare il proprio sorriso. Mentre le mascherine invisalign sono trasparenti e non invisibili (c’è una bella differenza), l’ortodonzia linguale ha fatto passi da gigante, sviluppando una tecnica che si basa sull’utilizzo di un filo d’acciaio dello spessore di circa un millimetro, che viene applicata alla parte linguale senza i classici attacchi (brackets). In questo modo si evitano frizioni sulla lingua e sulle parti molli che possono causare fastidio o dolore.
    La tecnica è l’ortodonzia linguale fissa senza attacchi e se ne trovano dimostrazioni sul blog Zerodonto, un sito sul quale pubblicano molti specialisti di fama internazionale.
    La cosa assolutamente straordinaria è che qui abbiamo un apparecchi realmente invisibile sotto tutti i punti di vista, perché non solo non si vede, ma dopo 24 ore non si sente nemmeno più, quindi semplicemente il paziente non percepisce più di averlo.
    Niente male, no?

Leave a Reply

---